Loading...
Skip to Content

Articolo

Home / Blog / Articolo

Economia

Cooperative in Asia

Sandro   06 Febbraio 2023   0 Commenti
Cooperative in Asia

Le cooperative della regione Asia-Pacifico stanno affrontando il cambiamento climatico riducendo i rifiuti e il consumo di energia, proteggendo l’ambiente e preparando le comunità a far fronte ai disastri naturali. Queste azioni sono particolarmente importanti perché l’impatto dei cambiamenti climatici e delle condizioni meteorologiche estreme sarà avvertito soprattutto dalle nazioni di questa regione. Attualmente, sei fra le dieci nazioni più colpite da eventi meteorologici estremi si trovano in Asia o nel Pacifico. Inoltre, il 60% della popolazione della regione lavora nei settori più a rischio per l’impatto dei cambiamenti climatici. Senza un cambiamento radicale, questa regione emetterà il 48% della quota mondiale di emissioni di CO2 entro il 2030. Come fanno le cooperative a fare la differenza? Di seguito sono riportati alcuni casi di studio di cooperative di queste regioni che stanno rispondendo alle sfide poste dal cambiamento climatico, dando un contributo importante per affrontare le questioni più urgenti del nostro tempo. Date un’occhiata:

Australia
Il Gruppo CBH si è impegnato a ridurre a zero il carico di rifiuti in discarica entro il 2030 e includerà informazioni sulle attività di sostenibilità nei suoi rapporti annuali sulle prestazioni. Si è inoltre impegnato a proteggere e valorizzare la biodiversità locale, riducendo al minimo o compensando qualsiasi perdita di biodiversità causata dalle sue attività.

Tailandia
La Lega delle Cooperative della Tailandia (CLT) ha avviato il programma “Pianta l’albero per risparmiare acqua” per incoraggiare i membri delle cooperative a piantare giovani alberi, con lo slogan: One Coop, One Tree.

Figi
Nel 2011, otto clan di proprietari terrieri, un collettivo di donne e un gruppo di giovani nel nord delle Figi si sono riuniti per formare la Drawa Block Forest Communities Cooperative (DBFCC) per conservare 4.120 ettari di foresta tropicale. Il terreno ospita flora e fauna endemica e in via di estinzione. I proprietari terrieri hanno rinunciato ai diritti di disboscamento per gestire i progetti di conservazione e raccogliere entrate producendo e vendendo miele della foresta pluviale e crediti di carbonio. Ogni anno generano 18.800 crediti di carbonio e nel 2018 hanno effettuato la prima vendita di carbonio, raccogliendo 9.551 dollari (20.700 FJ$). La loro missione è fornire alle comunità infrastrutture di base e raggiungere gli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Gli sforzi di conservazione della cooperativa sono stati riconosciuti dal premio SPREP-SPC2013 per l’eccellenza nell’attuazione dei principi di gestione degli ecosistemi insulari.

India
La Indian Farmers Fertiliser Cooperative (IFFCO) fornisce ai soci fertilizzanti sostenibili a base vegetale, a partire dai biofertilizzanti e ora si concentra anche sui nano fertilizzanti. La cooperativa ha introdotto Sagarika, un prodotto completo per la nutrizione delle piante ricavato dalle alghe marine. L’applicazione migliora l’efficienza dei fertilizzanti convenzionali e contribuisce a migliorare la qualità dei raccolti in modo ecologico. L’IFFCO ha anche creato una linea di fertilizzanti ecologici con il marchio Urban Gardens. La gamma di fertilizzanti speciali è stata sviluppata da un team di giovani e appassionati laureati in agraria ed esperti per promuovere, sostenere e proteggere la flora e il verde nelle aree urbane. IFFCO si è inoltre impegnata a ridurre il consumo energetico, intraprendendo iniziative di energia alternativa e rinnovabile e implementando progetti di risparmio energetico nei propri impianti di fertilizzazione. La cooperativa si è impegnata a realizzare progetti di rimboschimento su terreni incolti per 29.419 ettari. Nel 2020, l’IFFCO ha condotto una campagna nazionale di piantumazione di alberi, che ha portato alla piantumazione di 700.000 alberi di Neem in tutto il Paese. Questi alberi richiedono poca acqua per crescere, aiutano a mantenere i livelli di ossigeno e riducono l’erosione del suolo.

Giappone
L’Unione Cooperativa dei Consumatori Giapponesi (JCCU) si è impegnata a ridurre le emissioni diCO2 nel 2018 e le cooperative che ne fanno parte hanno ridotto le emissioni di CO2 del 20% rispetto ai livelli del 2013. Questo risultato è stato ottenuto grazie a una combinazione di iniziative diverse, tra cui l’uso di energie rinnovabili, l’aumento della produzione di energia elettrica da parte delle cooperative, il miglioramento dell’efficienza energetica delle strutture aziendali, l’analisi e l’ottimizzazione dei percorsi di trasporto dei camion e la riduzione dell’uso della plastica. La JCCUe le sue cooperative associate si sono impegnate anche nella produzione e nell’utilizzo di energia rinnovabile. Nell’ambito degli sforzi per realizzare una società decarbonizzata e che non si affidi alla produzione di energia nucleare, la JCCU, insieme a 12 cooperative di consumatori a livello nazionale, ha fissato l’obiettivo di fornire circa 400 milioni di kWh di energia rinnovabile all’anno entro il 2030. Finora le cooperative di consumatori hanno installato in tutto il Giappone impianti perla produzione di energia da fonti rinnovabili, come il solare, l’eolico, la biomassa e il piccolo idroelettrico, che in totale possono generare 180 milioni di kWh di elettricità all’anno.

Filippine
La cooperativa Lamac Multipurpose ha realizzato un’area di riforestazione di 48 ettari in cui i soci hanno piantato 25.000 piantine di specie rare come la narra. Inoltre, ha avviato un’impresa di produzione di cocco a rifiuti zero, per trasformare la buccia in cocco, una materia prima per le corde; il guscio duro in carbone di legna; l’acqua di cocco in aceto e la produzione di zucchero di cocco. Anche le cooperative della regione sono state attive nel promuovere la resilienza ai disastri nelle loro comunità locali. PH-Haiyan è una cooperativa avviata nella città di Tacloban dai sopravvissuti al tifone Haiyan, che ha devastato la regione nel novembre 2013. La cooperativa di advocacy vuole rafforzare la resilienza di Tacloban a futuri disastri naturali, aiutando a migliorare la capacità di adattamento dei gruppi vulnerabili, come i senzatetto, i pescatori, i poveri delle città e gli agricoltori. Allo stesso tempo, vogliono mitigare i disastri futuri proteggendo l’ambiente e rivitalizzando le foreste di mangrovie lungo la costa, per creare una barriera naturale. Stanno lavorando su sistemi di allerta precoce, workshop di preparazione ai disastri, formazione per la risposta rapida e i soccorsi. Nel 2019 hanno piantato più di 6.000 alberi e nel 2018 hanno co-organizzato la Visayas Cooperative Conference on Climate Change Adaptation and Mitigation per esortare le cooperative tradizionali a impegnarsi nella prevenzione dei cambiamenti climatici. Il loro obiettivo è rendere Tacloban un modello di resilienza climatica.

Sri Lanka
La Federazione delle società cooperative di credito e di risparmio (SANASA) ha migliorato la resilienza ai disastri naturali delle sue società associate sviluppando 10.000 villaggi sostenibili, nell’ambito del suo programma “Lassana Lanka” (Beautiful Sri Lanka). L’obiettivo è migliorare la resistenza di 100 società a inondazioni, tsunami, frane e terremoti. Nell’ambito di questo progetto,100 villaggi saranno riconosciuti dal Ministero dell’Ambiente dello Sri Lanka nell’ambito della sua politica ambientale: Sri Lanka NEXT Blue-Green Era.

Corea
Nella Repubblica di Corea, la National Agricultural Cooperative Federation (NACF) sta incoraggiando gli agricoltori ad acquistare un’assicurazione contro le calamità naturali, per mitigare l’impatto della perdita dei raccolti. Il governo sostiene il progetto e la NongHyup Property and Casualty Insurance, una filiale della NACF, si occuperà della produzione e della vendita dei prodotti assicurativi. La NACF ha anche approvato un budget per il ripristino in caso di calamità, fornendo prestiti senza interessi fino a 385 miliardi di KRW (2019); e altri aiuti per materiali agricoli per un ammontare di 4 miliardi di KRW (2019).

Fonte dell’Articolo

Image Credits on Freepik

Newsletter Image by pch.vector on Freepik

 

Image by pch.vector on Freepik

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI ECONOMIA EQUILIBRATA

 

VISITA IL BLOG DI ECONOMIA EQUILIBRATA

 

Procedendo dichiaro di essere maggiorenne e acconsento al trattamento dei miei dati
per l'uso dei servizi di Turbomandala.org ( Privacy Policy ).
0 0 voti
Valutazione Articolo
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

Condividi questo Articolo